S'Orrosa 'e Monte Santu Jorghi Serrecoro Urzuleibb B&B Caterina Terebinto Maddalena

www.urzulei.com è un sito del network www.urzulei.eu - Oggi è il giorno: 24.1.2021 - Visualizza le previsioni meteo per Urzulei.

Benvenuti nel sito www.urzulei.eu - Tutti i tasselli del puzzle naturalistico di Urzulei.

 
 
 

Home Page
Mappa del sito


Il centro abitato
Come arrivarci
La storia
Le Chiese
Presepi Rionali 2015
Caras de Bidda
Bichinaos


La Flora
La Fauna
L'Archeologia
La Speleologia
Gorroppu
Sa Domu'e s'Orcu
S'Arena
Or Murales


Il Costume Sardo
Il Cervo Sardo
Il Ghiro Sardo
Il Gioco Sa Murra
Memoria e Identidade
Tasso Sedda ar Bacas
Monastero a Olefani
Articolo su Urzulei
 

Su bechinu 'e Ortullè

Il becchino di Urzulei; canto popolare di una donna di Dorgali

Dorgali 1971: una casalinga di nome Maria Pintore, cantava un racconto sul paese di Urzulei:

Su bechinu 'e Ortullè
Una orta nachi aian postu unu bechinu macu in Ortullè e tottusu lu pigana in ziru. Disinnana una die a che ponnere unu omine biu ind'una bara e chelu zuhene anie. Cantu este istau unu pacu a bistu ca sa bara, ca intendia sonos; aperi sa bara e che agatada unu omine ch'i galu iu; si piga su picu e commenzada a corfor de picu e l'a mortu. Tando este andau and'è su sindigu e lis a narau, nara: «Apompiai, sos mortos battemichelor mortos ca oze minchende air battiu unu iu e mich'es tocau a mie a che lu morrere.» Custu l'aian fattu un' ischerzu. Dae sa die no ane ischerzadu prus cun custu macu; an narau: «Custu atere che....atere che macu è, c'a mortu unu a beru.»

Traduzione: Una volta si racconta che avessero messo un becchino matto a Urzulei, che tutti prendevano in giro. Un giorno, alcuni del paese pensarono a uno scherzo da fargli e decisero di mettere un uomo vivo in una bara e di portarlo al cimitero. Il becchino, dopo poco si accorse che dalla bara si sentivano rumori: la aprì e ci trovò dentro un uomo ancora vivo. Allora prese il picco e cominciò a darglielo in testa fino a ucciderlo. Poi andò dal sindaco e disse: "Badate, i morti portatemeli morti perché oggi me ne avete portato uno vivo ed è toccato a me ucciderlo". A questo avevano fatto uno scherzo; dal giorno non scherzarono più con lui. Si dissero: "Questo altro che... altro che matto è, ha ammazzato uno davvero".

Narratrice: Maria Pintore di anni 46, casalinga.
Fonte: raccolta SCHINTU, n.10.
Classificazione: Storielle di Uomini.

 
 

Argomenti correlati:

Fantasmi;
Racconto di Caterina Cuguru;
Su Becchinu 'e Orthullè.

 
 
 
 
 

Ritieni che alcune informazioni in questa pagina vadano modificate, ampliate o che ci siano degli errori?? Clicca qui!

 
 

Home
Crediti, Bibliografia e Sitografia
Mappa del sito
Area riservata
Contatti

L'utilizzo del presente Sito implica l'accettazione di tutte le Condizioni di utilizzo.
© copyright www.urzulei.eu - Tutti i diritti riservati.
Ogni forma di riproduzione è vietata

Sito del network www.urzulei.eu

   urzulei b&b